Yaesu FT-847

Quadribanda base/portatile crossband.

Lo Yaesu FT-847 è stato il primo apparato radioamatoriale quadribanda (se si esclude il suo predecessore FT-767GX che necessitava di moduli opzionali), infatti copre all-mode in TX le bande HF, i 50 MHz, le VHF e le UHF ed ha una buona copertura in RX. Era stato concepito in modo particolare per il traffico via satellite, avendo la possibilità di funzionamento crossband, ovvero di trasmettere e contemporaneamente ricevere su una banda diversa, “earth station” citavano gli opuscoli dell’epoca. Prodotto dal 1998 fino al 2005 ha avuto un discreto successo e la Yaesu, seppure mantenendo una linea di quadribanda, non ha più commercializzato radio con simili caratteristiche.
Le dimensioni contenute ne consentono l’utilizzo in portatile, eventualmente con l’antenna ATAS-100 o 120 per le quali è predisposto, il DSP audio funziona egregiamente. Alle quattro bande corrispondono quattro diversi connettori di antenna, oltre ai classici 100 W in HF e 50, dispone di ben 50 W in VHF ed UHF. La versione C2, con una semplice modifica, è utilizzabile anche sui 70 MHz. Molto comoda la seconda manopola di sintonia di tipo “jog shuttle” per veloci spostamenti di frequenza. Bello il display LCD a retroilluminazione blu, una novità per quegli anni.
Purtroppo non brilla in HF, anche per la mancanza di un accordatore integrato, ma è possibile abbinare esternamente lo Yaesu FC-20. Inoltre la sostituzione dei filtri IF con i Collins proposti dalla casa madre o con gli Inrad, migliora notevolmente la ricezione in condizioni di banda affollata. Limitato il controllo remoto CAT e molto carente sui pezzi prodotti nei primi anni.

Modifiche

Pulsante di accensione

Yaesu FT-847 - Switch
Yaesu FT-847 – Switch

Uno dei punti deboli della radio sembrerebbe essere il pulsante di accensione, soggetto a frequenti rotture dei contatti a causa dei picchi di corrente che si hanno al momento dell’accensione. Se si osserva lo schema elettrico, il pulsante è doppio, ma solo una via viene utilizzata. Per raddoppiarne la portata ed evitare guasti ho pensato di mettere in parallelo anche il lato inutilizzato, saldando due ponticelli tra i contatti.

Espansione TX

Yaesu FT-847 - Configurazione jumper TX
Yaesu FT-847 – Configurazione jumper TX

Sulla AF-CNTL Unit, accessibile smontando il coperchio inferiore della radio, accanto alla batteria tampone sono presenti sei ponticelli di configurazione che impostano i range di frequenze TX ed RX per il paese di destinazione. La configurazione dei ponticelli per un TX wideband veniva suggerita dalla stessa Yaesu UK in una nota tecnica e prevede, come in foto, 1 2 e 6 chiusi, 3 4 e 5 aperti.
Nella versione italiana in particolare la trasmissione oltre i 7.100 MHz è bloccata. Poichè non esiste la possibilità di sbloccare solo gli altri 100 kHz, infatti all’epoca l’allargamento delle banda dei 40 m non era previsto, l’unica modifica fattibile è quella suggerita che estende a 500 kHz il TX sulle bande HF.
Con questa configurazione si ottiene la seguente copertura:

TX RX
HF VHF UHF HF VHF UHF
1.8-2.0 3.5-4.0
7.0-7.5 10.0-10.5
14.0-14.5 18.0-18.5
21.0 21.5 24.5-25.0
28.0-30.0
50.0-52.0
70.0-70.5
140-154
420-450 0.1-30.0 30-76
108-174
420-512

70 MHz

Lo Yaesu FT-847 ha suscitato un rinnovato interesse negli ultimi anni, da quando è stato concesso l’utilizzo radioamatoriale della banda dei 4 m. Infatti è l’unica radio predisposta all’utilizzo sui 70 MHz. Continua qui…

Connettore VHF

Di fabbrica il connettore VHF è un semplice SO-239, vediamo come sostituirlo con il tipo N. Continua qui…

TCXO

Installazione di un sistema di regolazione della temperatura dell’oscillatore locale, per migliorarne la stabilità. Continua qui…

Filtri

Sommario dei filtri disponibili ed installazione del filtro SSB YF-122S non specifico per questa radio. Continua qui…

Riferimenti

Argomenti correlati


Licenza Creative Commons Questa opera è distribuita con:
licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori ed omissioni e gli eventuali danni che ne dovessero conseguire. Per ulteriori informazioni consultare le note legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.