Lo Yaesu YF-122S è un filtro SSB opzionale per gli apparati Yaesu FT-817, FT-857 ed FT-897. Si tratta di un filtro meccanico a 10 poli della Rockwell Collins (part number 526-8739-010) in case plastico, montato su un PCB specifico per il montaggio nel vano predisposto sulla radio.
L’FT-817 può montare un solo filtro opzionale, mentre su FT-857 ed 897 è possibile installarne due, in pratica sia quello per la SSB che per la CW.

Yaesu YF-122S (XF-119SN) SSB Collins filter

Nella foto è mostrata la main board di un FT-857 e nel riquandro in rosso l’area di montaggio dei filtri. In alto si nota il filtro ceramico di serie muRata CFJ455K.

Misure

Ultimamente mi è capitato di avere sotto mano uno di questi filtri ed ho pensato di misurarne le caratteristiche. Ho utilizzato l’analizzatore di reti VNWA collegando il filtro ad un test jig dotato di morsetti e calibrando lo strumento sul piano di connessione con apposito kit di calibrazione homemade.
Poiché l’impedenza tipica del filtro si aggira attorno ai 2000 ohm, mentre quella del sistema di misura è di 50 ohm, è stato necessario elaborare la misura con un apposito tool del software del VNWA, per tener conto del mismatch d’impedenza. Ciò ha comportato una parziale riduzione della dinamica di misura. In alternativa sarebbe stato necessario utilizzare un paio di trasformatori di adattamento.

Yaesu YF-122S (XF-119SN) SSB Collins filter

I risultati sono i seguenti:
– Center frequency: 455 kHz;
– Bandwidth @-3dB: 2.34 kHz;
– Bandwidth @-6dB: 2.41 kHz;
– Bandwidth @-60dB: 3.72 kHz;
– Insertion loss: 3 dB.
Leggermente differenti da quanto dichiarato dal costruttore, ma considerando la tecnica di misura un po’ di errore è possibile.

Prove pratiche

Passando all’utilizzo pratico del filtro e comparandolo con il muRata di serie, si nota un maggiore risalto della voce, soprattutto sui segnali più forti, ma meno accentuato su quelli deboli, dove invece sarebbe più utile. In generale però si ha minor noise in altoparlante, quindi sulle bande alte in condizioni di basso rumore ambientale, aiuta a captare i segnalini deboli. Non vi è alcun miglioramento su segnali interferiti da disturbi adiacenti.
Su YouTube sono presenti diversi video che possono darne un’idea.
Concludendo: il costo ne giustifica la spesa solo per utilizzi particolari, quali il DX V/UHF. Per le HF e collegamenti locali, considerando gli esigui benefici apportati, non se ne ravvede una grande utilità.

Argomenti correlati


Autore: Gianfranco IZ8EWD
Data di pubblicazione: 09/2013
Ultimo aggiornamento: 01/2017


Licenza Creative Commons Questa opera è distribuita con:
licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Si declina ogni responsabilità per eventuali errori ed omissioni e gli eventuali danni che ne dovessero conseguire. Per ulteriori informazioni consultare le note legali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *